In viaggio nel gusto toscano sulle Strade del vino e dei sapori

Dal Chianti al Montalbano e non solo

La Toscana è la terra dei Medici, del Duomo di Firenze e della Torre Pendente di Pisa, luogo d’arte e cultura ma è anche terra fertile e rigogliosa per l’agricoltura e famosa nel mondo per l’eccellenza dei suoi vini. Filari di uve pregiate crescono sulle dolci colline, tra splendidi paesaggi e antiche vie, che diventano veri itinerari da seguire per chi desidera perdersi tra colori e produzione gastronomica locale.

Le Strade del Vino di Toscana, insieme a quelle dei Sapori, sono uno dei tragitti più interessanti per scoprire gli angoli meno conosciuti del territorio. Ville e casali, fattorie e cantine sono l’ideale per degustare le migliori etichette. Sono i luoghi perfetti per vedere dove crescono le uve più famose al mondo e conoscere le tecniche di produzione, ma anche per assaporare i prodotti del territorio. È sicuramente un buon metodo per conoscere più da vicino la “gente di Toscana”: le strade del Vino e dei Sapori sono anche questo.

Un ideale filo rosso unisce così i vigneti dei Colli di Candia e della Lunigiana a quelli del Montecarlo, i rossi della Strada del Chianti Classico a quelli della Strada Medicea di Carmignano. Percorsi attraverso paesaggi mutevoli e panorami indimenticabili, come quelli che si possono godere attraversando le colline pisane o i colli fiorentini e che parlano dei loro prodotti, famosi nel mondo. E allora come non perdersi a San Gimignano tra torri e Vernaccia o nella Montagna Pistoiese tra ricotta e succulenti delizie della tradizione gastronomica?

Gli itinerari che uniscono il piacere dell’arte o della scoperta di borghi storici a tradizione e degustazione sono davvero molteplici ed eterogenei e spaziano da un lato all’altro del territorio. Dal mare, con le prelibatezze delle strade della Costa degli Etruschi o della Maremma alle splendide campagne di Montespertoli o di Montepulciano e delle loro famose etichette.

O ancora come non incantarsi di fronte alle strade che portano da Siena ad Arezzo e che parlano delle colture del vino, del sapore corposo dei suoi rossi? O come non sognare di abbandonarsi al sereno muoversi delle foglie di olivo sotto l’azzurro nel cielo nelle terre di Leonardo, nel Montalbano o gustare i marron glacé a Marradi nel Mugello?

Dall’Amiata ai paesaggi della Val d’Orcia e ai sapori della Valtiberina in un percorso di inesauribile fascino e seduzione, che porta ad avventurarsi verso luoghi lontani dalle grandi città d’arte ma che raccontano di un pezzo di Toscana inedito, fatto dei frutti della terra, di agricoltura, dei sapori e dell’ospitalità che caratterizza la sua gente.

menu